FORGOT YOUR DETAILS?

Materasso a molle

Materasso a molle

Attualmente il più venduto è il materasso a molle.  Già nel 1706 fu connesso il primo brevetto per uno strumento matematico formato da parecchie molle per garantire comodità alle persone che viaggiavano sui mezzi di trasporto.

I tipi di molle.

Le molle possono avere molti tipi di forme. I tre più diffusi sono:
Bonell: forma a clessidra
LFK: forma cilindrica
Indipendenti: molle cilindriche o a botte

 

Bonell. La rivoluzione moderna nella creazione del materasso a molle , è avvenuta negli anni Novanta quando venne introdotta la prima molla a spirale.
Le molle a forma di clessidra sono usate nel sistema a molle originale chiamato anch’esso sistema Bonnell. L’unità è formata da molle disposte in file e collegate l’una all’altra, in cima e in fondo, da un cavo elicoidale a spirale. Tra i diversi componenti decisivi per la migliore qualità di un materasso le molle giocano un ruolo primario. Tra queste le molle di tipo Bonnell si distinguono per offrire prestazioni e comfort di vertice. L’adozione della molla Bonnell è consigliata a quelle persone che prediligono dormire sui materassi a molle preferendoli ad altre tipologie. Questo tipo di molla è altresì molto utile in quei letti dove per privilegiare il design viene ridotto o precluso un corretto ricambio d’aria. Ogni singola molla a forma biconica è formata da un filo d’acciaio patentato e fosfatizzato. Un trattamento di tempera le rende antideformanti. Le molle vengono assemblate con una spirale, sempre in filo d’acciaio, che assicura una perfetta unione e ottimizza al tempo stesso il lavoro collettivo delle molle stesse.

Massima traspirabilità.

Dato che il volume sviluppato dalle molle è praticamente vuoto, formato cioè per il 95% circa d’aria, esse garantiscono un salubre microclima durante il sonno. Ad ogni movimento di compressione e rilascio delle molle, infatti, si ha un effetto pompa che determina un’ottima ventilazione di tutto il materasso. L’umidità corporea viene così trasportata facilmente all’esterno senza essere trattenuta, mentre il calore non viene accumulato, assicurando uno scambio termico ideale, condizione necessaria per la sensazione di benessere.

Anallergico e atossico. 
L’acciaio non crea allergie all’utilizzatore e, ancora per il fatto che il volume occupato dalle molle è praticamente vuoto, è facile concludere che gli acari non trovano un ambiente adatto al loro metabolismo e proliferazione. Le molle, inoltre, non emettono sostanze volatili tossiche per l’uomo.

Antimicrobico e igienico.
Il metallo è per natura inattaccabile da batteri e muffe e la sua igienicità è nota, poiché non attira né genera polvere ed è inattaccabile da insetti e parassiti.

Materasso bonnell

 

Acciaio inalterabile.

Il tipo di filo d’acciaio utilizzato nel materasso a molle e la modalità di assemblaggio hanno permesso ai sistemi composti da molle Bonnell di superare severi test tecnici e collaudi, dimostrando che il prodotto non perde le iniziali caratteristiche fisico – meccaniche e di forma. Una precisa garanzia a tutela della qualità del riposo e della durabilità del prodotto nel tempo.

Lfk. Questo sistema sviluppato negli anni Ottanta consisteva nella realizzazione di molle leggere e senza nodo per il materasso a molle. LFK è acronimo delle parole tedesche Leicht-Feder-Kern, molla leggera. La forma della singola bobina è cilindrica, con anelli di forma ellittica. L’assemblaggio delle bobine con le spirali su ognuno dei lati è simile alla costruzione della molla Bonnell. La forma speciale degli anelli finali fornisce maggiore flessibilità all’ intera unità.

Distribuzione delle molle. È possibile trovare materasso a molle con 3,5 e 7 o più zone. Generalmente la struttura multizona è calibrata a seconda della parte del corpo che vi si appoggia. Alcuni modelli di materasso a molle hanno il bordo perimetrale rinforzato per offrire maggior sostegno quando si è seduti sul bordo del letto.

TOP UA-44804781-1
Open chat